Tempio del donatore “in difficoltà” economiche

imageComunicato stampa – 19 12 2017

Tempio del donatore “in difficoltà” economiche


Mancano i fondi per la manutenzione: aiutateci a riaprirlo

Il Tempio internazionale del donatore di Pianezze di Valdobbiadene (Tv), simbolo per eccellenza del dono al prossimo che soffre, “chiude le porte”.
Un’indagine strutturale, resasi necessaria per gli evidenti segni di tempo, sole, pioggia e neve, ha portato alla decisione di una chiusura momentanea. Dopo 50 anni necessita di una manutenzione straordinaria.
“Una scelta molto sofferta, alla quale non pensavamo di dover arrivare – dichiara il presidente del Comitato Tempio, l’architetto Gianpaolo Bortolin – ma necessaria per salvaguardare l’incolumità delle persone. La struttura potrebbe essere in difficoltà (stressata) soprattutto con i carichi di neve eccezionale, vista l’impossibilità di una manutenzione straordinaria imminente. I contributi di cui disponiamo coprono appena le spese ordinarie e servono 200mila euro che, nonostante gli appelli, non riusciamo a mettere insieme. È una grande ferita per noi tutti, ma soprattutto per i donatori di sangue, il cui gesto di generosità è qui rappresentato”.
Il Tempio, infatti, da 50 anni è meta suggestiva di migliaia di visitatori da tutta Italia e dall’estero, di gruppi e associazioni (non solo di donatori) che lo scelgono anche per manifestazioni e ritrovi. Senza alcuna distinzione di sigla di appartenenza.
Nello stesso Comitato Tempio sono rappresentate tutte le associazioni dei donatori di sangue: AVIS (Associazione volontari italiani sangue), ABVS (Associazione bellunese donatori sangue), FIDAS (Federazione italiana associazioni donatori sangue), FRATRES (Consociazione nazionale dei gruppi donatori di sangue), oltre alla Parrocchia di Valdobbiadene. “Tenteremo anche la strada dell’8 per mille – continua Bortolin – sperando che il Tempio rientri tra le chiese che possono beneficiarne”.
Per la prima volta in 50 anni, la chiesa non ospiterà la Messa della vigilia di Natale, sempre molto partecipata. “Per non rinunciare alla magia del luogo la celebrazione si farà comunque, alle ore 21 e alle 22, al Centro don Gomiero – conclude il presidente del Tempio – nella struttura ricreativa vicina, realizzata per accogliere i visitatori grazie al contributo dei donatori di sangue”.

Continuando la navigazione su questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi