Redazione online

Inaugurazione Tempio: il 18 settembre tavola rotonda e taglio del nastro

Finalmente ci siamo! Sabato 18 settembre, a partire dalle ore 15, avrà luogo l’inaugurazione (dopo i lavori di restauro) del nostre Tempio internazionale del donatore, a Pianezze di Valdobbiadene (Tv).
Simbolo di solidarietà senza confini, il Tempio è stato costruito nel 1962 alle pendici del Monte Cesen, uno dei luoghi della Grande Guerra. Laddove sorgeva una postazione di cannoni, è stata eretta una singolare struttura dedicata alla pace, alla solidarietà e alla vita, per ricordare che “Il sangue si dona, non si versa”. Dopo la chiusura per inagibilità nel 2017, il Tempio è stato ristrutturato grazie a una raccolta fondi che ha coinvolto le associazioni Avis, Fidas, Fratres e Aido e nel 2020 è stato, inoltre, inserito dal FAI tra “I luoghi del cuore” da salvare.
L’evento sarà aperto dai saluti delle autorità, seguiti dalla tavola rotondaLa nuova luce del dono”: momento di riflessione sull’etica del dono, moderato da Adriano Bordignon, presidente Forum delle Associazioni familiari del Veneto. Parteciperanno all’incontro il prof. don Carlo Broccardo, presbitero della diocesi di Padova, nonché vicepresidente della Facoltà teologica del Triveneto e docente di Sacra Scrittura, e la prof.ssa Chiara Cremonesi, docente di Storia delle religioni e Teorie e metodi dell’indagine storico-religiosa presso l’Università di Padova.
A seguire ci sarà il taglio del nastro e la cerimonia religiosa.
Saranno presenti i presidenti e i rappresentanti Avis, Fidas, Fratres e Aido di tutta Italia.

La partecipazione, a titolo gratuito, è aperta a tutte le sedi Avis d’Italia (ricordiamo che sarà obbligatorio il possesso del green pass).
Per maggiori informazioni, basta contattare la segreteria organizzativa di Avis Regionale Veneto allo 0422 405088, email avis.veneto@avis.it.

Per prenotare una visita al Tempio inviate un’email all’indirizzo tempiodonatore@gmail.com

 

 

 

 

La Festa dell’Avis provinciale di Treviso torna al Tempio

Sentita emozione  oggi, 5 settembre, per la Festa dell’Avis provinciale di Treviso che, dopo tre anni, è tornata ad essere ospitata al Tempio internazionale del Donatore a Pianezze di Valdobbiadene (Tv).

La mattinata ha visto la folta partecipazione delle 89 Avis Comunali della Marca Trevigiana con la sfilata dei labari in corteo, in rappresentanza degli oltre 33.500 soci iscritti all’Avis provinciale di Treviso. A seguire la santa messa all’aperto, celebrata dal rettore don Bruno Faggion.

“Provo una particolare emozione nel ritornare a celebrare dopo tre anni la nostra festa al Tempio del Donatore, punto di riferimento della nostra realtà associativa nonché luogo di meditazione. La gioia è doppia, vista la possibilità di ritrovarci in presenza, dopo che l’anno scorso a causa della pandemia non era stato possibile – ha commentato Stefano Pontello, presidente dell’Avis provinciale di Treviso – Cogliamo questa occasione per rinnovare il nostro impegno nei confronti delle persone ammalate che attendono il nostro prezioso dono. Guardando sullo sfondo dell’altare del Tempio sono raffigurate le sette opere di misericordia corporale, alle quali è stata aggiunta la donazione di sangue. Mai come adesso è dunque necessario riscoprire i valori che sono il fondamento del nostro agire e le basi del bene comune: solidarietà, altruismo, gratuità, lealtà, rispetto reciproco – ha concluso Pontello, rivolgendo i suoi saluti al presidente dell’associazione ODV del Tempio, Gino Foffano.

Presenti alla cerimonia il vice presidente di Avis nazionale, Maurizio Bonotto, e la presidente dell’Avis regionale del Veneto Vanda Pradal, la quale ha sottolineato: “Questo Tempio rappresenta la solidarietà e la sensibilità verso il più debole, valori che dobbiamo tenere sempre presenti. Oggi vedo una coesione importante tra noi. Quanto mai fondamentale è infatti fare squadra, stare insieme, condividere i progetti tesi alla nostra missione: il dono”.

Un plauso all’operato dell’Avis, a nome di tutta l’amministrazione comunale di Valdobbiadene, nelle parole dell’assessore Giorgia Falcade: “Essere qui oggi è una rinascita, una ripartenza. Il Tempio è testimonianza di altruismo. Un ringraziamento particolare a tutti i volontari per quello che fanno quotidianamente sul territorio. Questi mesi ci hanno fatto comprendere quanto sia importante il comportamento di ognuno di noi verso l’altro e il volontariato ha assunto un significato ancora più profondo”. A testimoniare la rilevanza dell’iniziativa, in rappresentanza della Provincia di Treviso, il consigliere Emanuele Crosato.

 

 

Il presidente Avis nazionale a Pianezze: “Riportiamo al Tempio i suoi donatori “

Visita del presidente di Avis nazionale, Giampietro Briola, al Tempio del donatore di Pianezze di Valdobbiadene, riaperto da pochi giorni .
“È bellissimo, dentro e fuori, lo trovo suggestivo e un orgoglio per le associazioni del dono – ha commentato subito – Finalmente questo simbolo di altruismo è stato restituito al culto, sua naturale vocazione dalla nascita, ma anche al ritrovo e a punto di riferimento di tutti i donatori, che in questo culto si riconoscano o meno. Il Tempio incarna i valori che ci tengono uniti, che guidano la mission delle nostre associazioni, il nostro agire da volontari”.
Aperto e visitabile ogni giorno grazie alla collaborazione di volontari del luogo, per Briola il restauro di quest’opera ha portato a far lavorare insieme, e molto bene, l’Odv Tempio e i vari livelli Avis, dal Nazionale alle Comunali, e delle altre Associazioni coinvolte (Fidas, Fratres, Aido) che hanno saputo far squadra e arrivare alla meta in uno dei periodi più difficili nella storia dell’umanità.
Un plauso a chi da nord a sud d’Italia, e non solo, ha dato una mano, un contributo, si è messo in gioco e ci ha creduto.
“Queste collaborazioni e la grande determinazione dell’Odv Tempio e del suo presidente Gino Foffano, che ha sempre seguito personalmente i lavori, hanno portato alla riapertura in tempi brevi, nonostante la pandemia e molti ostacoli – ha concluso Briola – andiamone fieri. Ora facciamo rivivere questo luogo e i suoi valori, venendo a visitarlo. Riportiamo al Tempio i suoi donatori”.

 

Continuando la navigazione su questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi