Duemila chilometri in bici per Avis e Tempio

È iniziato il 17 agosto il tour “Su due ruote nello Stivale per l’Avis” di Marco Toppan.

Quindici giorni in sella alla sua bici attraverso 12 regioni. 2.000 chilometri di pedalata da Casere-Predoi (BZ) a Pachino (Siracusa) il punto più a Sud della Sicilia, passando per i comuni terremotati di Camerino, Arquata del Tronto e L’Aquila.

Marco Toppan, 40 anni di Carbonera (Tv), diventa così ambasciatore dell’Avis provinciale di Treviso, impegnato in una pedalata solidale per invitare i cittadini a sostenere il progetto di ristrutturazione del Tempio Internazionale del Donatore a Pianezze di Valdobbiadene (Tv), simbolo universale della donazione e sostenuto da Avis, Fidas, Fratres e Aido.

Atleta per passione e donatore Avis dal 2008, Toppan è partito dalla Valle Aurina in Trentino Alto Adige e pedalerà per 238 chilometri fino a Carbonera. Sabato 24 agosto si entrerà nel clou del viaggio con la 2° tappa da Zenson di Piave (TV) a Comacchio (FE) toccando quindi Veneto ed Emilia Romagna e così via fino all’arrivo a Pachino il prossimo 6 settembre, macinando chilometri nelle Marche, in Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia. Lungo il percorso farà sosta nelle varie Avis comunali, tutte pronte ad accoglierlo con una calorosa ospitalità.

Ad anticipare la partenza ufficiale è stata una pedalata di “riscaldamento” da Casere-Predoi a piazza dei Signori a Treviso, dove c’è stata la consegna ufficiale della maglietta del tour da parte del vice presidente dell’Avis provinciale di Treviso, Stefano Pontello.

“Voglio compiere questa traversata per scoprire luoghi nuovi, conoscere persone, sentire dialetti differenti, assaggiare cibi locali, insomma immergermi per due settimane nelle bellezze del nostro Paese e delle sue genti, senza mai perdere di vista il fine sociale del mio viaggio e la sua connotazione benefica– commenta Marco Toppan, che fa riferimento alla sede Avis di Zenson di Piave (TV) la quale ha fortemente appoggiato la missione- toccherò lungo il tragitto almeno una quindicina di sedi territoriali dell’Avis con le quali condividerò il progetto di recupero del Tempio Internazionale del Donatore bisognoso di lavori per poter essere riaperto al più presto”.

Il Tempio Internazionale del Donatore è attualmente inagibile. Il tetto ha bisogno di lavori urgenti, serve un investimento importante, ma indispensabile.  Il viaggio di Marco Toppan sarà utile per chiamare a raccolta le altre Avis e contribuire alla raccolta fondi a favore di quello che è il simbolo per eccellenza della donazione, della fratellanza e dell’altruismo. “Dobbiamo esserne tutti orgogliosi -sottolinea Vanda Pradal, presidente dell’Avis Provinciale di Treviso – ancora di più ora che la zona è diventata Patrimonio Unesco dell’Umanità”.

Tutti i cittadini possono contribuire alla “rinascita” del Tempio Internazionale del Donatore. Il cell per qualsiasi informazione è 349 9359660.

IBAN: IT28 F030 6962 1561 0000 0000 039     Causale: lavori tempio

 

 

 

 

Continuando la navigazione su questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi